Il metodo edonico

Il metodo edonico stima il valore di un certo effetto ambientale sulla base dei prezzi di un mercato che risente fortemente (si avvantaggia o svantaggia, perciò “edonico”) di tale effetto. Il mercato viene definito “surrogato”, in quanto si sostituisce ai mercati delle varie entità danneggiate. Per esempio, un modo per stimare il danno ad un parco causato dalla localizzazione di un’industria inquinante consiste nell’esaminare la diminuzione del numero di visitatori del parco e le connesse modifiche della distribuzione dei costi di viaggio affrontati dai visitatori (i costi di viaggio prima e dopo la localizzazione industriale consentono di stimare “l’abbassamento” della curva di domanda del parco e la conseguente riduzione del valore fruitivo). Analogamente, per stimare il valore monetario del rischio sanitario sul lavoro è possibile basarsi su un confronto dei salari di lavoratori sottoposti a diversi gradi di rischio. Come quella di mercato, la valutazione edonica presenta il vantaggio di derivare le stime dalle scelte effettive dei consumatori. Essa presenta tuttavia il limite derivante dalla complessità di dover tener conto dei principali fattori non ambientali, che finiscono per influenzare i prezzi del mercato surrogato. Ad esempio, il metodo edonico viene utilizzato per stimare il danno economico dell’effetti di “disagio” da rumore (effetto non sanitario); ciò avviene applicando tecniche econometriche capaci di analizzare l’influenza del rumore sul mercato immobiliare.

© 2006 - Andrea Molocchi